Vai al contenuto

A COSA SERVE LA VITAMINA D E PERCHÉ È FONDAMENTALE FARNE SCORTA?

    A cosa serve la vitamina D e come farne il pieno per sentirti meglio!

    Anche tu sei una “lucertola” che ama sdraiarsi al sole? Poter passare di nuovo del tempo all’aria aperta, andare in spiaggia e abbronzarsi dopo il lockdown significa due cose: migliorare il proprio benessere psicofisico e, soprattutto, una maggiore produzione di vitamina D.

    Sì perché la “vitamina del sole” viene sintetizzata dal nostro organismo proprio grazie all’azione solare, in alternativa la si può assumere tramite alcuni cibi che la contengono. Ma a cosa serve la vitamina D e perché è così importante?

    Quali sono i benefici della vitamina D?

    La vitamina D è fondamentale per il corretto svolgimento di alcuni processi fisiologici del nostro organismo come la formazione delle ossa dato che contribuisce all’assorbimento di calcio. Per questo la sua importanza è eguagliabile a quella della più apprezzata vitamina C che anche se fondamentale, non è la sola che dobbiamo fornire al nostro organismo. Vediamo allora quali sono i principali benefici della vitamina D:

    • Favorisce l’assorbimento del calcio contribuendo alla salute di ossa e denti;
    • Previene lo sviluppo del cancro;
    • Riduce la produzione di cortisolo, ormone responsabile dello stress;
    • Aiuta la circolazione e il sistema cardiovascolare;
    • Valido aiuto per persone affette da diabete e obesità;
    • Aiuta a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue, utile soprattutto per i pazienti diabetici.

    Come assumere la vitamina D?

    Ora che sai a cosa serve la vitamina D, sappi che per mantenere stabili i livelli di questa vitamina nel sangue e non sviluppare una carenza puoi provare ad assumerla così:

    1. Esposizione solare: la vitamina D viene prodotta a livello cutaneo grazie all’azione combinata di un particolare grasso presente nella nostra pelle e dei raggi UVB. Ecco perché esponendoti al sole favorisci la produzione di questa vitamina. Sono necessari anche solo 20/30 minuti al giorno per iniziare a produrla.
    2. Alimentazione: oltre che con l’aiuto del sole, si possono alzare i livelli di vitamina D anche con l’alimentazione. I cibi che ne sono ricchi sono il salmone, i formaggi stagionati, lo sgombro, il tuorlo dell’uovo, il fegato e i funghi.
    3. Integratori: se hai una carenza di vitamina D o hai bisogno di aumentarne l’assunzione puoi provare con alcuni integratori alimentari. Ne sono degli esempi Erba Vita D Gocce Integratore Vitamina D 50 ml o le compresse di vitamina D