Vai al contenuto

MANCANZA DI VITAMINA D IN INVERNO: COME E QUANDO INTEGRARLA?

    Mancanza di vitamina D: perché è importante rimediare

    Le carenze di vitamine e sali minerali sono spesso sottovalutate ma in realtà possono essere la causa di molti disturbi comuni. Questo è il caso anche della vitamina D, fondamentale per il nostro organismo perché serve a:

    • Far funzionare bene la tiroide
    • Avere delle ossa forti
    • Mantenere in salute il sistema cardiovascolare
    • Tenere sotto controllo infezioni e infiammazioni

    La vitamina D si trova nell’organismo in due forme: la vitamina D2 e la vitamina D3. La vitamina D2 viene assunta tramite l’alimentazione mentre la vitamina D3 viene sintetizzata dalla pelle quando ci esponiamo ai raggi ultravioletti di tipo B. Ecco perché in inverno è più facile sviluppare una carenza. Passiamo meno tempo all’aria aperta e non tutte le giornate sono soleggiate quindi sintetizziamo meno vitamina D3. Ma quali sono i sintomi che può portare una mancanza di vitamina D? Vediamoli insieme.

    Quali sono i sintomi di una carenza di vitamina D?

    Una mancanza di vitamina D non è sempre semplice da percepire. Si manifesta quando la carenza è già grave e con sintomi piuttosto comuni. Ecco quali sono i principali:

    – Disturbi alle ossa

    Quando si hanno livelli di vitamina D bassi si possono presentare dei disturbi alle ossa. Questa vitamina infatti si occupa di far assorbire il calcio al nostro organismo, un componente fondamentale delle ossa. Il dolore alle ossa e il dolore alle articolazioni sono infatti due dei sintomi più comuni della carenza di vitamina D.

    – Stanchezza mentale

    Quando manca la vitamina D nel nostro organismo è normale sentirsi più stanchi. Si tratta di una stanchezza non solo fisica ma anche di tipo mentale che può portare ad una difficoltà di concentrazione. Inoltre si possono verificare anche stati di ansia e disturbi del sonno.

    – Disturbi muscolari

    Se si ha una carenza di vitamina D è normale sentire i propri muscoli più deboli. Si possono presentare anche dei dolori sia durante l’attività fisica che nelle attività quotidiane.

    Come si possono prevenire allora questi sintomi? Ecco come assumere la vitamina D e quando è necessario integrarla.

    Come si previene la mancanza di vitamina D?

    Tutti i benefici della vitamina D si possono avere assumendola regolarmente. Ecco come fare:

    – Alimentazione: la vitamina D si trova in alimenti come il salmone, il latte, il burro, i formaggi in particolare quelli stagionati, i funghi e il tuorlo dell’uovo. Inserire questi alimenti nella propria dieta e nei giusti dosaggi aiuterà a non avere la vitamina D bassa.

    – Esposizione al sole: se possibile sarebbe bene esporsi al sole per circa 20 minuti senza protezione solare. È bene evitare le ore più calde però e non superare i 30 minuti in modo da non avere scottature solari.

    – Integratori: in inverno o in caso di carenze si può optare anche per degli integratori da assumere sempre consultando il proprio medico. Ne sono alcuni esempi l’integratore di vitamina D Aquilea, l’integratore di vitamina D Optima Naturals ad alto dosaggio e l’integratore di vitamina D di origine vegetale sempre della stessa linea.

    Contattaci per saperne di più sulla mancanza di vitamina D e per conoscere ulteriori prodotti per integrarla anche in inverno.