Vai al contenuto

COME USARE LO SPAZZOLINO ELETTRICO E COME SCEGLIERE IL PIÙ ADATTO

    Ecco come usare lo spazzolino elettrico per una pulizia più profonda

    Vorresti dei denti più sani e più bianchi? Molti dentisti consigliano ai loro pazienti di cominciare ad utilizzare lo spazzolino elettrico al posto di quello manuale: la velocità e la precisione dei movimenti consentirebbe di pulire meglio i denti, con forza ed efficacia, eliminando quindi più placca e batteri al contrario di quello manuale che non risulta essere altrettanto efficace. Se per voi però è il primo acquisto sicuramente avrete dei dubbi su come usare uno spazzolino elettrico e su come scegliere quello più adatto alle vostre esigenze. Ecco quindi alcuni consigli per selezionare il migliore spazzolino elettrico in commercio.

    Come scegliere uno spazzolino in base alle caratteristiche tecniche

    Scegliere quale spazzolino elettrico acquistare è una decisione molto personale: si decide in base al tempo che si dedica all’igiene orale, alla sensibilità di denti e gengive e alle esperienze pregresse. In generale, gli ultimi spazzolini elettrici sono tecnologicamente avanzati e offrono diversi servizi a chi li utilizza. Quali sono allora le caratteristiche tecniche da tenere in considerazione quando se ne acquista uno? Ecco le principali:

    – Testina: lo spazzolino elettrico può disporre di una testina tradizionale, quindi con la classica forma “a spazzolino” oppure di una testina tonda. Ogni tipo di testina può assicurare un movimento diverso, oscillatorio o rotante, mentre alcuni tipi prevedono anche una sorta di “pulsazione” che aumenta la pressione sulla gengiva e quindi la forza pulente.

    – Tempo di spazzolamento: molti modelli, come lo spazzolino Braun Oral Smart 4 hanno un timer incorporato sul manico che avverte quando sono passati due minuti, cioè il tempo minimo richiesto dai dentisti per la pulizia dei denti. Altri, come l’OralB Professional protezione gengive suonano ogni 30 secondi: è questo infatti il tempo che va dedicato ad ogni quadrante della bocca, dividendola idealmente in superiore destra e sinistra e inferiore destra e sinistra.

    – Programmi specifici: se avete delle particolari esigenze come ad esempio sensibilità gengivale e dentale, scegliete uno spazzolino elettrico che abbia diversi programmi. Nei modelli più recenti ce ne sono sempre almeno due dedicati appunto ai denti sensibili oppure a renderli più bianchi. Lo spazzolino Oral-B Spazzolino Elettrico Professional Protezione Gengive 3 ad esempio è uno di questi e inoltre avverte anche quando si sta esercitando troppa pressione durante lo spazzolamento rischiando di danneggiare le gengive.

    Come usare al meglio lo spazzolino elettrico per denti e gengive sane

    Per capire come usare lo spazzolino elettrico, non bisogna far altro che seguire la stessa tecnica che si utilizza per lavare i denti con uno manuale. La testina va bagnata leggermente prima di mettere la giusta quantità di dentifricio. Poi deve essere posizionato a 45° rispetto al dente e deve lavorare fra dente e gengiva, per eliminare meglio batteri, placca e residui di cibo, senza dimenticare la parte posteriore dei denti. Inoltre, anche spazzolare la lingua è fondamentale per avere una pulizia della bocca più accurata.

    Gli spazzolini elettrici sono in genere ricaricabili tramite una base attaccata alla corrente, ma esistono anche versioni a batteria. Nella maggior parte dei casi avvertono con una luce rossa quando stanno per esaurire la loro carica e generalmente hanno un tempo di ricarica abbastanza lungo quindi è preferibile farlo durante la notte. La testina va cambiata spesso, proprio come si cambia lo spazzolino manuale ovvero dopo circa 3 mesi di utilizzo.